Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Le regole d'oro delle brioches

La temperatura finale dell’impasto non deve mai superare i 25°C per evitare la separazione dei grassi e una formazione imperfetta della maglia glutinica. Per lo stesso motivo, in estate, in laboratori non climatizzati, si consiglia di sostituire il 30% dell’acqua con il ghiaccio, per evitare un eccessivo riscaldamento dell’impasto.

Per accentuare la colorazione utilizzare latte o miele nell’impasto.

Si consiglia di abbattere in positivo a +2°C le brioches una volta cotte, prima di esporle in vendita, per rallentare il processo di raffermamento e garantire morbidezza più a lungo.

La massa grassa, prima di essere aggiunta all’impasto, va portata a pomata, cioè ad una consistenza cremosa.

Utilizzando paste aromatizzanti su base oleose 100% (pistacchio, nocciola, ecc.), la dose massima consigliata è del 15% sul peso della farina, togliendo il peso della pasta dal peso totale della massa grassa.

Utilizzando paste base zucchero (caffè, fragole, ecc.) la dose massima consigliata è del 15% sul peso della farina, togliendo il peso della pasta dal peso dello zucchero.